Pensare altrimenti
Diego Fusaro

CONTRO LE ONG

di Diego Fusaro

Il problema, in fondo, è sempre lo stesso: ci orientiamo con le mappe fintamente neutre che ci vengono fornite dai dominanti. E che sono disegnate apposta per far sì che accettiamo le nostre catene.

Il primo gesto della critica sta nel respingere le mappe ai dominanti e nel ricartografare la realtà in altro modo: pensando e sentendo altrimenti.

Diciamolo apertamente, allora: occorre essere contro le cosiddette “associazioni non governative” (ONG). Senza se e senza ma. Dietro la filantropia con cui esse dichiarano di agire (diritti umani, democrazia, salvataggi delle vite, ecc.) si nasconde il nudo interesse privato del capitale transnazionale.

Le ONG, di fatto, richiedono dal basso e dalla “società civile” le “conquiste di civiltà”, i “diritti” e i “valori” che i signori del mondialismo stabiliscono dal’alto. Tali conquiste, diritti e valori sono, di conseguenza, sempre e solo quelli della global class competitivista, ideologicamente contrabbandati come universali: abbattimento delle frontiere, rovesciamento degli Stati canaglia (ossia di tutti i governi non allineati con il nuovo ordine mondiale monopolare e americano-centrico), desovranizzazione, decostruzione dei pilastri dell’eticità borghese e proletaria (famiglia, sindacati, tutele del lavoro, ecc.).

Se non analizzate secondo lo schema che l’egemonia dell’aristocrazia finanziaria impone, le  ONG si rivelano come un potente mezzo per aggirare e scavalcare la sovranità degli Stati e per attuare punto per punto il disegno globalista della classe dominante in cerca del definitivo affrancamento dalla regolamentazione politica degli Stati sovrani nazionali come ultimi fortilizi delle democrazie.  

Le ONG stanno solo astrattamente dalla parte dell’umanità: in concreto, stanno dalla parte del capitale e dei suoi agenti, di cui tutelano l’interesse. Dicono di voler salvare i migranti: in realtà, li deportano come nuovi schiavi verso l’Occidente a economia deregolamentata, permettendo per ciò stesso l’abbassamento dei costi della manodopera locale. Non facciamoci prendere ulteriormente in giro: non esistono, oggi, realtà neutre e universalmente buone. Siamo nel bel mezzo di una lotta di classe gestita dai signori del mondialismo contro ceti medi e classi lavoratrici.

La schiavitù di cui siamo vittime è anzitutto ideologica: continuiamo ad accettare le categorie, il lessico, il punto di vista di chi ci domina. 

D. Fusaro
Condividi questo articolo su:
Articoli correlati: