Temi dell'Agorà / Euroinomani
CARI POLITICI, L'ITALIA VIENE PRIMA DELL'EUROPA

CARI POLITICI, L'ITALIA VIENE PRIMA DELL'EUROPA

pubblicato il 04 Agosto 2017

Quando sette anni fa, in tv, con l'amico Gianluigi Paragone proponemmo una contro-rivoluzione sovranista del pensiero politico ed economico, gli europeisti che frequentavano la nostra trasmissione sorridevano commiserevoli. Ci consideravano degli eccentrici innocui. Ci lasciavano dire, aprivano sconsolati le braccia e scuotevano platealmente il capo. A posteriori credo di aver capito le ragioni di tanta sufficienza che allora mi indispettiva più di quanto oggi mi consoli vederli in balia della loro stessa ideologia: si sentivano dalla parte giusta della storia.

Loro credevano all'Europa, che voleva dire “futuro”, “progresso”, “diritto”, “prosperità”, “pace” e “solidarietà”, e in nome di quell'ideale positivista avevano archiviato come anti-storico il concetto stesso di nazione. L'Italia, improvvisamente, non esisteva più. I Metternich di casa nostra l'avevano nuovamente ridotta ad una mera “espressione geografica”.

Non so se quei politici fossero solo ingenui o anche un po' stupidi, forse entrambe le cose. Quel che è certo però è che sembravano robot programmati per pensare dentro ad un unico schema mentale. Qualcuno gli aveva caricato in testa il software dei trattati europei (Maastricht, Fiscal Compact, Dublino, Schengen...) e loro, come perfetti automi, badavano solo ad applicare fedelmente il modello. Immagino che i bolscevichi avessero la stessa fede cieca nel comunismo e gli arditi nel fascismo. Anche l'europeismo, del resto, si è trasformato rapidamente in una ideologia: l'ideologia di un super-continente senza monete e senza confini, cioé senza nazioni e senza popoli, dove la sovranità appartiene ai signori della finanza e alle leggi del mercato.

Non so come sia potuto accadere, vista la nostra atavica indolenza alla disciplina e alle fedeltà internazionali, ma i politici italiani da allora non hanno smesso di essere più realisti del re, seguitando ad applicare alla lettera le regole europee anche quando è apparso chiaro che Francia e Germania sanno infischiarsene bellamente, in nome, pensate un po', del superiore interesse nazionale. Risultato: Parigi e Berlino fanno sempre quel che vogliono mentre noi facciamo sempre quel che vuole Bruxelles.

Mi diano pure del demagogo populista, non m'importa, ma i fatti sono fatti. Ed un fatto incontestabile sono le centinaia di migliaia di migranti - solo una minima parte dei quali classificabili come profughi - che da anni sbarcano sulle nostre coste con l'aiuto di Ong straniere. L'Europa applaude allo sforzo umanitario italiano, ci ringrazia pubblicamente e bastona senza pietà i “razzisti” che chiedono di contingentare gli arrivi; poi però non solo non fa nulla di concreto per condividere il peso di questi arrivi, trincerandosi dietro allo stupidissimo trattato di Dublino, ma arriva pure a minacciare procedure d'infrazione contro l'eccesso di spesa pubblica che la voce “sbarchi” ha necessariamente prodotto sui bilanci dello Stato italiano. Oltre il danno, la beffa.

Ma l'immigrazione non è un caso isolato. Da qualche anno, purtroppo, il nostro territorio è martoriato da terremoti micidiali: Amatrice, le Marche, l'Emilia e prima ancora l'Aquila. A macerie ancora fumanti i burocrati di Bruxelles mostrano il volto umano, si dicono solidali, piagnucolano commossi e promettono aiuto; poi però, quando arriva il momento di spendere per ricostruire - di spendere soldi nostri, non altrui - ecco che i politici di Bruxelles si ritrasformano in ottusi contabili per i quali non vi è emergenza superiore al rispetto dei sacri parametri di Maastricht. L'Italia deve reinventarsi decine di città disintegrate dal terremoto? Lo faccia pure, basta che non sfori il rapporto del 3 per cento tra deficit e Pil, cosa che ovviamente è impossibile. Le nostre città, infatti, sono ancora ridotte a crateri. Nel silenzio, complice e assordante, dei politici italiani che invece di ribellarsi a Bruxelles nell'interesse dei propri concittadini, si compiacciono di mostrarsi i più europeisti d'Europa.

Altro esempio. Sappiamo tutti quanto abbiamo dovuto fare per risanare le banche: Mps, le quattro popolari, PopVicenza e Veneto Banca. Lo Stato è dovuto intervenire per una questione, ovviamente non esplicitata, di “interesse nazionale” ma il Governo si è dovuto inventare soluzioni pasticciate, a tutto danno della clientela popolare, per non trasgredire i comandamenti europei sulle nazionalizzazioni, gli aiuti di Stato e i vincoli finanziari. Eppure quando è capitato alla Germania di dover rinforzare le proprie banche, Berlino ha fatto come ha voluto e nessuno ha emesso un fiato. Tra il 2008 e il 2012, secondo i dati della Commissione europea, Regina Merkel ha stanziato alla bisogna - tra aiuti diretti e garanzie - qualcosa come 646 miliardi di euro, usandone infine “solo” 259. I giornali ce lo hanno raccontato a cose fatte e del resto in Europa non c'erano state discussioni. Noi invece per poter disporre di 10 miliardi nostri siamo dovuti andare ad implorare Bruxelles, Berlino e Francoforte e ho sospetti piuttosto fondati che abbiamo dovuto dare qualche spiegazione anche a Parigi, dove Emmanuel Macron, celebrato come paladino del libero mercato e dell'europeismo, non ha esitato un minuto a dirimere la questione Stx-Fincantieri nel più tradizionale e sensato dei modi: nazionalizzando un'industria strategica per proteggerla da mani straniere. Solo noi ci vergogniamo di ragionare così. Solo noi abbiamo smesso di considerarci un Paese sovrano. E' stato un errore catastrofico e i nostri politici ne devono prendere atto chiedendo scusa agli italiani. Perché l'Italia viene prima dell'Europa. E solo loro non l'avevano capito.

A. Montanari
tags:
#Alessandro Montanari #euroinomani

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione

Articoli correlati: